domenica 10 maggio 2015

Ci siamo, finalmente!


Ci siamo a cosa? Chi mi segue da qualche tempo, già lo sa...per gli altri, un piccolo riepilogo :)
Mercoledi 13 maggio, aprirà finalmente a tutti, Zodio Italia...che nasce da una costola di Zodio Francia.
Da loro, questa catena di negozi,  è già in auge da qualche anno.
Da noi arriverà al grande pubblico, questo mercoledi.
Insieme ad Ilaria e tutta la squadra, abbiamo curato gli allestimenti e tutto il bailame che ruota intorno ad un negozio così grande (3000 mq)
Zodio tratta complementi di home decòr, cucina e mondo craft.
Alla fine dell'area vendita, c'è il salone creativo (sopra e sotto potete vedere qualche scorcio).
In questo spazio pensato per voi, potete mettervi comodi su divano e poltrone e fare ciò che volete...
...dù chiacchiere, 'n pisolino, 'na calzetta,'na bella lettura,'na tazzulella di caffè agggratisss, ricaricare il cell...scegliete voi :)


Attiguo al salone, ci sono i 2 atelier:  quello di cucina e quello di decorazione.
Per il primo periodo i corsi saranno gratuiti (venghino, venghino).
All'interno dell'atelier, c'è la zona LAB, a disposizione del cliente: per un'ora, gli si dà la  possibilità di usare la Big Shot, la macchina da cucire, la taglierina e la Mademoiselle Toga.

 Noi ce l'abbiamo messa tutta, per preparare uno spazio accogliente, da farvi vivere...
 ...comme a là maison ;). 
Ci teniamo che da noi, soprattutto nello spazio del salone, vi sentiate come a casa vostra.

 Nei giorni in cui sarò presente, sarò felice di abbracciare-riabbracciare facce conosciute e non!
 Fatevi riconoscere voi...perché io non mi riconosco piùùùù :(((

Ah...anche la zona bagno clienti è stata personalizzata...così, se magari avete il momento plin plin, sarete coccolati pure lì :))
E se quando state per uscire, avete voglia di lasciarci due paroline, un pensiero, un'emozione...matitine e bigliettini vi aspettano!
Ed insieme a loro, vi aspetto pure io ;)))
Ps: in quale punto del negozio potete trovarmi?
O nel penultimo reparto (lampade creative-decopatch) presidiato da un enorme giraffa a decoupage più alta di me (ci vuole poco!!!) o in atelier, o su una scala a sistemare qualche decoro in bilico :((( 
Per chi non mi avesse mai visto, ho 3 segni che mi rendono riconoscibilissima: sono la più vecchia di tutte, ho i capelli più corti di tutti, sono la più bassa di tutte...anzi no...c'è una mitica  jap più bassina di me (mai successooooo!!!)
Per i primi mesi, sarò quasi sempre presente, poi dovrò dedicarmi all'allestimento del 2° negozio, poi del 3°, poi del 4°etc etc...
Zodio arriverà ad abbracciarvi tutte quante, vicino ad ogni città in cui abitate.
Questo è l'intento e c'impegneremo tutti per centrare l'obiettivo.
Dajjjeee!!!

www.zodio.it
A presto, vi aspettooo!!!

venerdì 13 marzo 2015

Todo blanco (non proprio todo ;-) !)

http://www.pinterest.com/pin/68891069273683545/
Perché se uno pensa all'elenafiore, generalmente l'associazione è colore e stile iperdecorato.
E ci sta.
Ma questo non significa che io non apprezzi il minimal, il total white e lo stile basic. Anzi.
http://www.pinterest.com/pin/68891069272888828/
Qualche anno fa, per una rivista, feci anche un servizio tutto bianco. E non feci nessuna fatica.
Certo, avevo delle direttive... sapevo che dovevo realizzare questo e quello. 
Lo feci ed il risultato mi piacque pure tanto.
http://www.pinterest.com/pin/48554502208437426/
L'insegnamento che ricordo (e già ne parlai tra le pagine di questo blog), è quello di non crearsi uno stile collocabile nella "fascia di mezzo", altresì detta "nè carne, nè pesce".
A suo tempo mi dissero "o minimal, o iperdecorato...la middle class, non va bene".

http://www.pinterest.com/pin/105553184988616447/
La mia indole, in ambito artistico, tende all'iperdecorato. Magari parto anche con l'intenzione di stare sottotono.
Ma poi è un istinto : aggiungo, aggiungo, aggiungo. Non vado mai per sottrazione.
http://www.pinterest.com/pin/48554502208433596/
Però ho una smisurata stima, per chi nell'essenza di quello che propone, riesce ad essere particolare senza essere banale. 
Perché quando si usano pochi elementi e semplici, la difficoltà è proprio quella.
http://www.pinterest.com/pin/68891069275832707/
Però ecco, non vorrei destabilizzarvi troppo... :-)))
Magari credete di aver sbagliato blog, o che io sia in una nuova fase sobriaBasic...
che questo è l'anno del cinquantesimo e magari  qualcuno può pensare chissà quale crisi mi stia attraversando.


Nessuna crisi, questa sono io... spiccicata alle ultime 3 foto: pomponciosa, casettosa, colorosa.
Di bianco per ora... c'ho solo la ricrescita 'n testa ;))) !!!

sabato 24 gennaio 2015

Piatti cuciti anziché cucinati ;)))

Il led nella testa, mi si è acceso quando ho visto questa foto: piatti "decoupati" incollando carta jap sotto il vetro.  Una realizzazione della vulcanica  Donnarita.
Dovevo giusto ideare una parete con dei piatti decorati, ma ... ispirarsi sempre, copiare mai ;)))
Avevo a disposizione dei piatti di cartoncino ... e una parete bianca da riempire.
Mumble, mumble, mumble (tentativo di accensione del 2° led!).
 Mi si è acceso il 2° ed il 3° led e decido per
-bordo esterno con carta a decopatch (vedi in alto a sinistra)
-bordo più interno con carta a decoupage o con carta da origami
-decoro centrale in stoffa ritagliata e poi incollata (vedi in alto a destra)
Ma poi, ma poi, ma poi, 
quei diversi strati di materiali, dovevano essere amalgamati tra di loro.
Ed il 4° led, mi ha suggerito dei filati da cucire a macchina...perché è normale che dei piatti di carta vengano cuciti a macchina, no ;))) ?
Com'è, come non è, io l'ho fatto.
Ed ora vi presento un po' delle mie...portate ;)))
 
 
 
In fondo, piatti cuciti, assomiglia a piatti cucinati.
Si, c'è giusto quella desinenza che fa la differenza... ma non è che si può sempre guardare il dettaglio.
E poi, appesi alla parete, questi sono più indicati, di quelli saporiti e profumati ;)))